Fenomeni mutui dei satelliti di Giove: da settembre a novembre 2014

Finora abbiamo imparato quali tipi di fenomeni coinvolgono i satelliti di Giove e da quali particolari circostanze sono originati. E’ il momento di analizzarli meglio.

In questa puntata analizzeremo i primi eventi di una lunga serie, in particolare quelli che si verificheranno nei mesi di settembre, ottobre e novembre 2014.
Siamo all’inizio della sequenza, le orbite dei satelliti non sono ancora visibili di taglio e i primi eventi sono abbastanza rari: uno a fine settembre, un altro a fine ottobre e altri cinque a novembre.

Quanto più le orbite si schiacceranno, fino a diventare quasi una linea orizzontale, tanto più si verificherà un numero maggiore di fenomeni: pensate che a dicembre si verificheranno 25 eventi (visibili dall’Italia), a gennaio 19, mentre saliranno a ben 40 nel solo mese di febbraio allorché ci sarà l’opposizione di Giove. Proseguendo, saranno 25 a marzo e 26 ad aprile, per scendere decisamente (7 a maggio, 5 a giugno e solo 2 a luglio) quando le orbite ricominceranno ad aprirsi ed infine Giove arriverà alla congiunzione con il Sole a fine luglio. In totale, più di 150 eventi (tra occultazioni ed eclissi) da poter osservare nel corso di una decina di mesi: niente male!

Ricordo ancora una volta che questi sono eventi abbastanza rari, che si ripetono ciclicamente ogni circa 6 anni, quando le orbite dei Satelliti Medicei vengono viste di taglio dalla Terra: normalmente invece i fenomeni che riguardano questi satelliti (transiti dei satelliti e delle loro ombre sul disco di Giove, occultazioni di satelliti da parte di Giove ed eclissi di satelliti da parte di Giove) sono molto ma molto più frequenti in proporzione e praticamente ogni notte c’è qualche cosa da osservare dalle parti del pianeta gigante. Avevo già accennato a fenomeni più rari, quali i transiti doppi se non tripli (con o senza ombre in aggiunta) sul disco di Giove oppure le eclissi e/o occultazioni simultanee di più satelliti.

Ci sono in realtà altri eventi ancora più rari e strani, ma magari ne parliamo in altra sede…

Le tabelle degli eventi

Vediamo ora questa oramai famosa tabella che ho ridotto per esigenze di spazio: andiamo ad analizzare intanto i dati contenuti per poi passare all’analisi dei singoli eventi

[table “34” not found /]
Per conoscere il significato delle singole colonne basta passare sopra col mouse e apparirà in genere un tooltip. In altri casi il significato è il seguente:

  • evento : “xey” indica che il satellite x eclissa il satelllite y, mentre “xoy” indica l’occultazione. x e y valgono come di consueto
    1 – Io
    2 – Europa
    3 – Ganimede
    4 – Callisto
  • fase max : indica la fase massima raggiunta dal fenomeno (E=penombra, P=parziale, T=totale, A= anulare per le eclissi) (P=parziale, T=totale, A= anulare per le occultazioni)
    t indica che il secondo $satellite$ è in transito sul disco di Giove
    p indica che l’eclissi è in penombra
    o indica che il secondo $satellite$ è eclissato da Giove
  • ultima colonna : L indica che è in vigore l’ora legale
[table “35” not found /]
In questa tabella gli istanti da T1 a T7 hanno il seguente significato:
per le eclissi

  • T1 : inizio eclissi in penombra
  • T2 : inizio eclissi in ombra
  • T3 : inizio totalità
  • T4 : fase massima
  • T5 : fine totalità
  • T6 : fine eclissi in ombra
  • T7 : fine eclissi in penombra

per le occultazioni

  • T2 : inizio $occultazione$
  • T3 : inizio totalità
  • T4 : fase massima
  • T5 : fine totalità
  • T6 : fine $occultazione$

Vediamo insieme gli eventi più significativi: ricordo che cliccando sul link in corrispondenza dell’ora appare il diagramma realizzato con il mio programma in cui appare la configurazione dei satelliti.

L’evento n.1 è già interessante: Callisto eclissa Europa, mentre quest’ultimo è in $transito$ sul disco di Giove, ma il bello è che qualche ora prima si possono osservare anche le due ombre dei due satelliti in $transito$ sul disco del pianeta $gigante$.

L’evento n.6 prevede l’$occultazione$ di Europa da parte di Ganimede, con l’aggiunta che Europa in quel momento è a sua volta eclissato da Giove, quindi non visibile: purtroppo non si noterà nulla.

Nel prossimo articolo vedremo gli eventi di dicembre 2014.

 

 

Ti ricordiamo che per commentare devi essere registrato. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

2 Commenti    |    Aggiungi un Commento