“Don’t look up” è il film del momento…

… e tutti ne parlano, nel bene e nel male: anche io voglio dire la mia!

Ho visto ed analizzato questo film di cui tutti parlano e sul quale desidero aggiungere qualche considerazione astronomica, in linea con quanto fatto finora nei miei articoli di recensione di film di fantascienza: stavolta tocca alla cometa!

Un po’ di PR…

Vi siete persi qualche recensione? Oppure non sapevate nemmeno che ne avessi scritte? Poco male…
Qui vi riporto l’elenco in ordine cronologico e se vorrete leggerne qualcuna, capirete qual è lo spirito di questi miei particolari articoli.

La cometa!

In questo caso, “Don’t look up” (di seguito abbreviato il DLU), dal punto di vista astronomico, è un film più che discreto, realizzato da gente del mestiere che si è avvalsa dell’aiuto di esperti del campo, soprattutto per quanto riguarda eventi quasi quotidiani, quali la scoperta di una cometa o di un asteroide.

Avverto subito che più o meno involontariamente farò qualche spoiler sul film, per cui se ancora non l’avete visto, andate prima a vederlo e poi leggete la mia recensione! Siete avvisati!

Come in ogni puntata di questa categoria delle recensioni di film e serie TV di argomento fantascientifico, ricordo qual è il filo conduttore: analizzare un film o una serie verificando quanto di astronomico venga riportato e segnalando piccoli o grandi errori che ho riscontrato…

Scorrendo l’elenco delle mie recensioni, potete notare che ho avuto da ridire anche su mostri sacri del cinema, quali 2001 Odissea nello spazio o film decisamente più recenti (quale ad esempio Ad Astra), quest’ultimo recensito proprio per le sue grosse incongruenza scientifiche e per il fatto che è un esempio di film-fotocopia di altri.

Nel caso di DLU e della sua cometa, fortunatamente non ci sono grossi svarioni, ma qualche segnalazione va comunque fatta.

Iniziamo!

Un telescopio meraviglioso…

… e un’attrice meravigliosa : confesso che Jennifer Lawrence (jlaw nel seguito) è la mia preferita, da quando l’ho vista nel citato film “Passengers” e successivamente in “Red Sparrow”.

Nelle prime scene si vede la dottoranda che si aggira nella sala di controllo del famosissimo telescopio Subaru di Mauna Kea nelle Isole Hawaii (8.2 metri di diametro e 15 metri di focale, con montatura ovviamente altazimutale): già per questo fin da subito era scattata un’invidia mostruosa per bellissima stella del cinema.

Terminato il posizionamento, viene mostrata un’immagine iconica del meraviglioso telescopio (costruito nel 1999, mica ieri!) in cui si vede uno strepitoso campo stellare:

foto bellissima dell’osservatorio delle Hawaii

Ricordo che foto del genere sono ottenute con pose lunghe e ritoccate in post elaborazione: magari fosse possibile uscire all’aperto di notte e vedere un cielo così!

In breve jlaw , utilizzando un apposito software, individua per la prima volta una grande cometa, che verrà nominata in suo onore, condividendo la gioia della scoperta con il suo responsabile, un abbastanza impacciato Leonardo di Caprio.

la scoperta della cometa

Ho qualche perplessità in merito, perché, in questo particolare caso, viene scoperta una cometa molto grande e con una buona magnitudine: il tutto avviene all’improvviso, senza che la cometa sia stata già notata ed osservata quando era più lontana e più debole, da parte di Sky Survey automatizzati o da osservatori che scansionano il cielo sera dopo sera, oppure ancora da astronomi dilettanti dal giardino di casa (backyard observatory, beati loro!) . Ma può capitare…

L’orbita della cometa

Ad un certo punto del film viene mostrato questo diagramma,

il diagramma con la traiettoria della cometa

dove viene rappresentata la traiettoria della cometa, proveniente dalla nube di Oort (così afferma jlaw ): facciamo una piccola analisi.

Quando si disegna un’orbita inclinata rispetto al piano dell’eclittica, la parte al di sopra dell’eclittica e quella al di sotto di solito vengono tracciate con colori differenti, in questo caso grigio e bianco: dato che i pallini rappresentano il Sole, i pianeti e la cometa stessa, possiamo intuire che la Cometa Dibiasky già al momento si trova molto vicina alla Terra, nella parte colorata di grigio. Ma comunque si trova molto lontana da Giove e da tutti gli altri pianeti.

Immagino dunque che la cometa provenisse da sinistra in basso per avvicinarsi minacciosamente alla Terra.

traiettoria della cometa

Per puro divertimento ho tracciato, lungo l’orbita della cometa, quattro posizioni con disegnata anche la coda in rosso: il tutto in modo molto approssimativo, con il solo scopo di far rendere l’idea.

Controllate dove si trova Giove, la cometa, la sua coda, immaginando magari una traiettoria in 3D…

Il pianeta Giove

In una scena del film viene mostrato il gigante gassoso con accanto un suo satellite e più lontana la cometa.

La fase di Giove e del suo satellite sono stavolta coerenti (non come in altri film) così come la cometa e la sua coda sembrano disegnate bene, con il Sole che a questo punto dovrebbe trovarsi in basso a centro schermo, decisamente fuori dell’inquadratura.

Bene… Passa del tempo e con la cometa che si avvicina sempre più minacciosa alla povera Terra, viene mostrata un’altra breve sequenza sempre con Giove enorme ed il satellite Europa altrettanto enorme ma decisamente troppo vicino al pianeta.

Ed in questa sequenza molto inquietante c’è qualcosa che non quadra per niente.

Si tratta proprio della presenza di quell’ombra minacciosa, che vorrebbe essere proprio quella della cometa: praticamente stiamo assistendo ad un’eclissi del satellite da parte della cometa! Ma intanto non vi ricorda l’ombra dell’astronave aliena di “Independence Day” ?

Non ci siamo proprio! Dal diagramma che ho creato prima con la coda della cometa, possiamo vedere che è assolutamente impossibile che la coda e l’ombra della cometa stessa (entrambe opposte al Sole) possano andare ad intercettare Giove e le sue vicinanze e per giunta il satellite Europa: la coda e l’ombra stanno da tutt’altra parte.

L’unica condizione possibile perché la coda e la sua ombra arrivino dalla parte di Giove è che la cometa stessa viaggi vicinissima al pianeta, tra Giove ed il Sole e sullo stesso piano dell’eclittica: solo così si potrebbe avere un’ombra così grande sulla superficie di Europa e tra l’altro in questo caso il satellite sarebbe pure investito in pieno dalle particelle della coda stessa!

Ma se la cometa fosse arrivata così vicina a Giove, praticamente avrebbe risentito pesantemente dell’attrazione gravitazionale del pianeta gassoso, che avrebbe modificato la sua orbita: anni fa, nel 1994, la cometa Shoemaker-Levy 9 osò avvicinarsi troppo al pianeta Giove, a tal punto che la sua orbita fu deviata e la cometa si sgretolò in una dozzina di frammenti che uno dopo l’altro andarono a bruciare tra le nubi del pianeta.

gli impatti della cometa sgretolata

Povero professore!

L’esimio professore si era subito tuffato a fare i calcoli a mente inserendo la posizione della cometa, dettatagli da jlaw , per giunta iniziando dall’abc dell’astronomia di posizione, riempiendo così la lavagna di (inutili) formule, un po’ come fa di solito Sheldon Cooper nella divertente sitcom The Big Bang Theory!

formule vettoriali, decisamente astruse per chi non conosce la materia

Il povero professore si era infatti prodigato a spiegare ai discepoli la meccanica della situazione per arrivare a calcolare a mente, a mano, senza nemmeno uno straccio di calcolatrice, che la cometa era in rotta di collisione con la Terra. Figuriamoci se avesse dovuto tenere conto dell’attrazione gravitazionale di Giove…

Ritengo (sempre bonariamente, intendiamoci!) che così si maltratta l’Astronomia! Il tutto a favore dello spettacolo, però.

Informazioni su Pierluigi Panunzi 463 Articoli
Classe 1955, sono nato e vivo a Roma, laureato in Ingegneria Elettronica, in pensione dopo aver lavorato per anni nel campo del software, ma avrei voluto laurearmi in Astronomia. Coltivo la passione per l’astronomia dal giorno successivo allo sbarco dell’uomo sulla Luna, maturando un interesse sempre crescente per la Meccanica Celeste, il moto dei pianeti, la Luna e i satelliti. Da molti anni sono divulgatore scientifico e in passato ho presieduto a serate astronomiche organizzate a Roma e paesi vicini. Da parecchi anni mi sto perfezionando nell’astrofotografia grazie all’auto-regalo di varie apparecchiature digitali

Ti ricordiamo che per commentare devi essere registrato. Iscriviti al Forum di Astronomia.com ed entra a far parte della nostra community. Ti aspettiamo! : )

12 Commenti    |    Aggiungi un Commento

  1. Interessante analisi. Ho visto il film appena uscito su Netflix, di cui non conoscevo assolutamente l'esistenza, sono stato stato incuriosito dalla descrizione e ho deciso di vederlo.
    A me il film é piaciuto, in fondo é una commedia satirica , che fa riflettere (se pur in maniera sproporzionalmente esagerata) a che punto é arrivata la società di oggi.
    La cometa é secondo me un escamotage, per rendere chiaro a chi guarda il film che un grosso problema non viene affrontato coerentemente da chi sta al vertice e la gente viene distratta da ciò che gli si mette sotto il naso, o presa da vicende che sono tutt'altro che cose serie.

    Se avrebbero fatto un film che parla del cambiamento climatico che già é in corso, non avrebbe suscitato più di tanto interesse e forse sarebbe stato ripetitivo e noioso per i non più. Ma ci sono scene in cui é chiaro il messaggio che si vuole inviare.

    Detto questo, hai notato la scena quando Jlaw vede per la prima volta la cometa nel cielo ? Dice espressamente una cosa del genere" li c'è il gran carro, Venere e li la Polare... Secondo me un po' improbabile che Venere si trovasse li vicino. Che ne pensi?

    Sarebbe bello, se avessero fatto riferimento in qualche modo anche al problema dell' inquinamento luminoso, ma in fin dei conti non si può chiedere più di tanto.

    Tuttavia reputo questo un buon film, divertente( non troppo) e con molti spunti di riflessione, sulla società di oggi. A me é piaciuto e l'ho rivisto altre due volte.

    La scena finale dopo i titoli quando il figlio del presidente esce dalla struttura a pezzi e si trova quello scenario apocalittico e paradossale, ma molto profonda.

  2. La cometa è come dice Salvatore una metafora molto attuale sui tanti problemi che affliggono l'umanità.
    Oggi abbiamo la fornuta, almeno quella parte del mondo istruita e libera, di farci una opinione anche diversa da quella spesso che si vuol far passare.
    Purtroppo credo che sia la qualità politica generale, non solo in Italia, ad essersi molto impoverita.
    Di conseguenza problemi grandi vengono affrontati con piccole idee.

    Tornando al film, sotto il profilo scientifico ed astronomico, mi sembra che sia stato promosso... a me è piacuto.

    E' il caso di augurarci 'cieli sereni'

  3. A me è piaciuto parecchio, a parte il finale. Il regista ha distribuito sberle a tutti, dai politici Rep e Dem ai tycoon dell'informazione progressista o conservatrice fino agli Elon Musk/Zuckerberg.

    E tutto riuscendo a coinvolgere e divertire.

    Ciao!

  4. @Salvatore
    sì, l'avevo notato.

    però ho fatto qualche prova con Stellarium
    ho trovato ad esempio questa situazione (in una sera di luglio) dove si vedono la stella polare, il grande carro e l'eclittica
    Allegato 46449
    con l'apposito tool di stellarium si vede che l'Orsa Maggiore dista una cinquantina di gradi dall'eclittica (costellazione del Leone proprio a Sud dell'Orsa Maggiore).

    in questo caso l'orizzonte è centrato su NW, quindi basta una sera in cui Venere si trova nel Leone
    ma anche una mattina, verso NE, sempre con Venere in Leone

    quindi direi che jlaw è salva!!

  5. Citazione Originariamente Scritto da Zoroastro Visualizza Messaggio
    A me è piaciuto parecchio, a parte il finale amaro...
    meno male che lo avevo visto, bello spoiler... modifica il messaggio per cortesia!

  6. L’ho visto ieri e sinceramente sono rimasto molto deluso. Visto il cast mi sarei aspettato di meglio.

    Magari andrò controcorrente ma dopo aver letto l’articolo di @Pierluigi Panunzi, mi sento di sottoscrivere una delle recensioni citate: “avrebbe potuto essere un film molto divertente, se solo fosse stato girato con un po’ di rispetto per la nostra intelligenza e con la voglia di fare satira pungente anziché superficiale nichilismo”.

  7. Il film è effettivamente divertente, ma come detto da altri troppo caricaturale.

    A proposito di "tamponamenti" tra Terra e comete, sarei curioso di leggere una tua recensione del film Greenland, il finale di questo film è sì, un insulto all'intelligenza (e alla dinamica degli impatti).

  8. Non conosco questo film...
    Vediamo quello che posso fare!

    ...
    passa qualche ora
    ...

    scaricato e visto!
    beh ... tutta un'altra cosa... un film catastrofico sì, ma serio, non una commedia musicale!!

    qui ci scappa, più che una recensione, un confronto...

    rimanete sintonizzati !!